Juve, Allegri: "Vlahovic torna contro il Verona. Futuro? Dipendiamo dai risultati"

Contro l’Udinese il tecnico livornese raggiunge Lippi per panchine con la Vecchia Signora (405)

di FRANCESCO BOCCHINI -
11 febbraio 2024
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

Torino, 11 febbraio 2024 – Obiettivo ripartenza per la Juventus. Dopo il solo punto conquistato nelle ultime due giornate, i piemontesi sono chiamati a ritrovare il successo contro l'Udinese, in occasione del Monday Night della 24esima giornata di Serie A. "I ragazzi stanno bene e avranno senz’altro le giuste motivazioni: perdere lo scontro diretto ci sta, ho rivisto la partita e abbiamo fatto cose buone. Detto questo, che l’Inter è la favorita nella corsa allo Scudetto non lo scopriamo da adesso, la loro stagione è straordinaria. Noi continuiamo il nostro cammino, e domani ripartiamo. In ottica Champions, se non decisiva, è una sfida fondamentale: è necessario tornare alla vittoria per muovere la classifica, restare a -4 dall’Inter e rimettere punti fra noi e la quinta", il messaggio lanciato da Massimiliano Allegri nella conferenza stampa di vigilia. 

Il traguardo e il futuro

Contro i friulani, l'allenatore livornese toccherà il traguardo delle 405 panchine con la Vecchia Signora, raggiugnendo così al secondo posto di sempre Marcello Lippi, dietro solamente a Giovanni Trapattoni. "Sono molto orgoglioso di questo traguardo. Anche perché raggiungo un allenatore, Lippi, che ha scritto la storia della Juventus e a cui sono molto legato affettivamente. Futuro? Vediamo di finire bene questa stagione afferma Allegri - poi ho ancora un anno di contratto. Noi allenatori dipendiamo dai risultati e dal lavoro che svolgiamo. Domani abbiamo una partita importante da vincere e quindi tutto il resto passa in secondo piano". 

Le scelte anti Udinese

A proposito delle caratteristiche della compagine che la sua Juventus si appresta ad affrontare, il tecnico ex Cagliari e Milan sottolinea: "L'Udinese è un avversario da affrontare con grande rispetto. Non meritano la loro classifica, hanno spesso preso gol alla fine; sono una squadra fisica, che gioca molto la palla e che ha elementi di ottimo livello". Contro i friulani in avanti torna Milik, squalificato contro l'Inter, mentre non ci sarà Vlahovic. "Dusan non ha niente di particolare, ha questo affaticamento all'adduttore e settimana prossima dovrebbe essere a disposizione contro il Verona. Per quanto riguarda gli attaccanti, porteremo Cerri dalla Next Gen. Devo decidere fra Yildiz e Chiesa, stanno entrambi bene: se giocherà Federico sarà una bella occasione per lui, è un giocatore molto importante. Così come lo è Alex Sandro, che domani potrebbe partire dall’inizio: lui e Rugani sono elementi con una grande esperienza e sono affidabili. Alcaraz? Si sta mettendo a disposizione e ha buone qualità, non è ancora pronto per l’impiego dall’inizio ma sarà un elemento molto utile".

Leggi anche: Fabio Liverani è il nuovo allenatore della Salernitana

Continua a leggere tutte le notizie di sport su