Juventus, a Lecce senza Chiesa e Rabiot. Allegri: "Vlahovic, Milik e Yildiz stanno bene"

Le parole del tecnico livornese alla vigilia della trasferta sul campo dei pugliesi

di FRANCESCO BOCCHINI -
20 gennaio 2024
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

Torino, 20 gennaio 2024 - Niente Adrien Rabiot e Federico Chiesa per la Juventus in occasione della trasferta a Lecce. Massimiliano Allegri dovrà rinunciare quindi a due giocatori importanti contro i giallorossi. Se il francese è praticamente un intoccabile per il tecnico livornese (sempre in campo e mai sostituito in questa stagione quando a disposizione), l'ex Fiorentina era tornato al gol martedì contro il Sassuolo. "La squadra sta bene, si è allenata bene in questi giorni. Per la trasferta di Lecce, però, saranno assenti Rabiot e Chiesa: Adrien per un affaticamento al polpaccio, Federico perché ha accusato un riacutizzarsi del problema al ginocchio e andrà valutato nei prossimi giorni", l'annuncio dell'allenatore della Vecchia Signora in conferenza stampa. 

Chi in attacco?

Le defezioni renderanno la gara del "Via del Mare" ancora più insidiosa per la truppa bianconera, che vincendo ha l'occasione di portarsi momentaneamente in vetta alla classifica. "Giocare a Lecce sarà complicato. I nostri avversari hanno giocato delle buone partite contro Inter e Lazio, servirà massima attenzione. È una squadra - dice Allegri - che difende molto bene e nelle ultime quattro gare in casa hanno sempre fatto risultato. Il nostro primo obiettivo sarà mantenere la porta inviolata dal momento che non ci siamo riusciti nelle ultime quattro trasferte". Sulla formazione che schiererà dal primo minuto e sulla condizione di alcuni singoli, il tecnico dei piemontesi aggiunge: "Sicuramente giocheranno due tra Milik, Yildiz e Vlahovic. Stanno tutti e tre bene e sarà fondamentale anche chi subentrerà dalla panchina, come sempre. Dusan sta giocando in modo più sereno e tranquillo e questo percorso lo porterà alla completa maturità tecnica. Cambiaso? Andrea è cresciuto molto, sono contento. È un giocatore che può ricoprire diversi ruoli, è valido tecnicamente ed è diventato un giocatore importante per noi". 

"Il nostro obiettivo continua ad essere la Champions"

Sul confronto con l'Inter invece, Allegri mantiene sempre la solita linea: i nerazzurri sono i grandi favoriti per vincere il titolo. "L'Inter è una squadra forte, ha raccolto 51 punti nelle prime venti giornate di campionato ed è la favorita per lo Scudetto. Noi stiamo crescendo, ma sappiamo che vincere a Lecce è complicato: conquistare un successo dopo è sempre facile, prima le gare vanno giocate. Ripeto, poi, che il nostro obiettivo continua ad essere la qualificazione alla prossima edizione della Champions League. Ci sono cavalli che hanno bisogno di paraocchi e altri no: quelli a cui servono di solito guardano agli altri e i paraocchi servono per tenere la concentrazione su quello che hanno davanti. Noi finora non abbiamo fatto nulla, siamo solo a metà percorso. Contro il Sassuolo la squadra mi è piaciuta molto perchè ha vinto una partita insidiosa giocando con grande serenità. Il calcio vive di equilibri ed è fondamentale mantenerli sempre". 

Leggi anche: Risultati Coppa d’Africa 2024: Capo Verde agli ottavi, Senegal batte il Camerun che ora rischia

Continua a leggere tutte le notizie di sport su