Torino-Fiorentina 1-1, Sanabria risponde a Jovic

Granata e viola si fermano sul pari nel match delle ore 15. Il Monza gode e scavalca entrambe in classifica

di GABRIELE SINI -
21 maggio 2023
Torino-Fiorentina
Torino-Fiorentina

Torino, 21 maggio 2023 - Torino e Fiorentina non sono andate oltre il pareggio, nel match della domenica pomeriggio di Serie A. Granata e viola sono le uniche squadre che sono scese in campo nel pomeriggio della 36^ giornata e si sono fermate a vicenda sul punteggio di 1-1. Luka Jovic è stato il primo marcatore della sfida, autore del gol del momentaneo vantaggio dei gigliati al minuto 48, dopo che era appena subentrato in campo. A rispondergli è stata la punta rivale di giornata, ovvero Antonio Sanabria, che al minuto 65 ha realizzato la rete che ha fissato il risultato definitivo. Le squadre allenate da Ivan Juric e da Vincenzo Italiano continuano la loro corsa a pari passo in classifica, entrambe a 50 punti in classifica, al decimo e undicesimo posto. Assieme a loro c'è anche il Bologna, vittorioso ieri contro la aritmeticamente retrocessa Cremonese.

Le formazioni titolari

Ivan Juric schiera il suo Torino con la difesa a tre. Milinkovic Savic difende la porta, coadiuvato dalla retroguardia composta da Djidji, Schuurs e Buongiorno. A centrocampo Singo e Ricardo Rodriguez arano le due corsie laterali, Ricci e Ilic presidiano il centro del campo. Vlasic e Karamoh si muovono più in avanti, a supporto dell'unica punta Sanabria. Dall'altra parte Vincenzo Italiano sceglie il 4-2-3-1 per la Fiorentina. Cerofolini presidia i pali, Venuti, Martinez Quarta, Igor e Terzic compongono la linea difensiva. Duncan e Mandragora agiscono da diga in mediana, mentre Barak, Sottil e Saponara sono più avanzati, alle spalle di Kouamé.

Primo tempo

I ritmi bassi dei primi minuti stanno comodi al Torino, che controlla il gioco e cerca subito qualche imbucata in profondità per spezzare le maglie strette della difesa della Fiorentina. Sanabria al nono minuto è il primo a cercare la porta: sugli sviluppi di un calcio d'angolo, l'attaccante granata incorna dopo aver tagliato sul primo palo, ma il pallone si spegne innocuo sul fondo. Poco dopo, al minuto 13, Vlasic prova uno dei suoi colpi migliori, ovvero il tiro da fuori, e spedisce la sfera di poco alta sopra l'incrocio dei pali della porta difesa da Cerofolini. Al quarto d'ora si svegliano gli ospiti: Sottil va in uno contro uno con Djidji, lo salta e dalla sinistra scocca un traversone che quasi si trasforma in un tiro, che si spegne oltre il secondo palo. Tre minuti dopo ancora Sottil tenta un gol difficilissimo, al volo con il suo piede debole da fuori area, per sfruttare l'uscita dai pali di Milinkovic Savic che aveva appena allontanato un cross con i pugni. Cerofolini effettua la prima parata della sua partita al 22', su una conclusione da fuori di Ricardo Rodriguez, che colpisce con potenza ma troppo centrale; l'estremo difensore gigliato blocca in due tempi. Poco prima della mezz'ora Vlasic ha una buona chance su una verticalizzazione, tenta di calciare forte ma non colpisce benissimo e il portiere para in tuffo senza patemi. Cerofolini si esalta al 36' in uno contro uno con Karamoh, lanciato a rete ma in posizione di netto fuorigioco; resta, però, l'ottimo gesto tecnico del portiere viola. Una situazione simile si verifica dall'altra parte del campo al 42', quando Singo ha un'ottima opportunità che spreca sparando in curva, anch'egli fermato in posizione irregolare. L'ultimo guizzo della prima frazione di gioco è del Toro, che va a centimetri dal gol: Ilic batte un calcio d'angolo, Schuurs impatta bene di testa in vantaggio su Martinez Quarta, e il pallone termina fuori di pochissimo. Le due formazioni tornano negli spogliatoi e vanno al riposo sul punteggio di parità.

Secondo tempo

Italiano effettua una sostituzione: inserisce Jovic per Sottil e, due minuti dopo, il suo attaccante lo premia. Il serbo, infatti, al minuto 48 sblocca la partita: Kouamé effettua un traversone dalla fascia destra, pesca la testa del compagno, dimenticato completamente dalla difesa granata, e firma così l'1-0. Ora il Torino fatica e sembra aver accusato la botta psicologica. Saponara al 51' ha una buona opportunità per calciare e trova una deviazione avversaria, mentre Mandragora di testa fallisce il colpo del raddoppio e spedisce fuori. Il Toro cerca di reagire e Buongiorno, sugli sviluppi di un calcio d'angolo, prova a dare la sveglia con un tiro che termina fuori dallo specchio della porta di Milinkovic Savic. Juric effettua alcune sostituzioni per scuotere la squadra e ci riesce. Al minuto 65, infatti, arriva la rete del pareggio: Buongiorno corre a sinistra, mette al centro per Sanabria, il quale con il sinistro in diagonale batte l'estremo difensore ospite per l'1-1. La partita cala di ritmo e le opportunità latitano da entrambe le parti del campo. I padroni di casa non riescono più a pungere dopo aver trovato il pari, mentre la Fiorentina sembra quasi accontentarsi, non trovando nessun varco o accelerazione valida per fare davvero male alla retroguardia granata. Negli ultimi dieci minuti non succede quasi nulla, se non qualche contrasto e fallo che non cambia la sostanza del match. Gli ospiti fanno girare palla, mantengono il possesso, senza bucare o sfondare da nessuna parte, complice anche la stanchezza che dilaga tra i giocatori in campo. Nelle ultime battute si assiste a qualche filtrante calibrato male e a qualche traversone efficacemente respinto dalle due difese, che non concedono più niente agli attacchi avversari, che appaiono ormai spuntati e con le polveri bagnate.

Il tabellino del match

Torino (3-4-2-1): Milinkovic Savic; Djidji, Schuurs, Buongiorno; Singo (61' Aina), Ricci, Ilic, Rodriguez (61' Lazaro); Vlasic, Karamoh (61' Miranchuk); Sanabria (80' Pellegri). Allenatore: Juric. In panchina: Fiorenza, Gemello, Gravillon, Zima, Vojvoda, Aina, Bayeye, Vieira, Lazaro, Adopo, Seck, Miranchuk, Gineitis, Linetty, Pellegri. Fiorentina (4-2-3-1): Cerofolini; Venuti, Martinez Quarta, Igor, Terzic; Duncan, Mandragora (63' Bianco); Barak (86' Ranieri), Sottil (46' Jovic), Kouamé (73' Ikoné), Saponara (65' Brekalo). Allenatore: Italiano. In panchina: Terracciano, Vannucchi, Dodò, Biraghi, Milenkovic, Ranieri, Kayode, Castrovilli, Ikoné, Bianco, Jovic, Cabral, Brekalo. Marcatori: 48' Jovic, 65' Sanabria Arbitro: Luca Massimi Note - Ammoniti: Mandragora, Singo, Bianco Leggi anche: Lecce-Spezia 0-0, nello scontro salvezza vince la paura

Continua a leggere tutte le notizie di sport su