Ciclocross, Van Aert vince a Benidorm nell'ultimo faccia a faccia con Van Der Poel

Si ferma a 10 la striscia dell'olandese, solo quinto. Ora per il belga cala il sipario sul fango e si alza quello sulla stagione su strada

di GIUSY ANNA MARIA D'ALESSIO -
21 gennaio 2024
Wout Van Aert (Ansa)
Wout Van Aert (Ansa)

Roma, 21 gennaio 2024 - La stagione del ciclocross volge quasi al termine: lo si capisce anche dal fatto che la tappa di Coppa del Mondo di Benidorm è l'ultima che mette sul piatto il triello più atteso, quello tra Mathieu Van Der Poel, Wout Van Aert e Tom Pidcock. Finora il dominio dell'olandese è stato netto, ma a spuntarla in Spagna è il belga, che si avvicina così con ritrovata verve all'annata su strada.  

I dettagli

  In Costa Blanca, dove curiosamente sono anche presenti per i rispettivi allenamenti Tadej Pogacar e la sua UAE Team Emirates, si scrive a sorpresa un altro copione dopo quello, piuttosto monotono, che ha caratterizzato la stagione del fango: Van Der Poel, vittima di una caduta, vede interrompersi a 10 (su 11 apparizioni) la sua striscia di vittorie. Il tutto proprio nella penultima tappa di Coppa del Mondo, quella che proponeva l'atto finale dello scontro al vertice tra i due 'Van': dopo la spedizione di Benidorm infatti Van Aert si dedicherà completamente alla strada, da cui spera di ricevere tante soddisfazioni dopo le amarezze dell'anno scorso, mentre Van Der Poel proseguirà nel fango fino al 4 febbraio, quando ci saranno i Mondiali a Tabor, in Repubblica Ceca. In attesa di conoscere i verdetti del periodo delle Classiche, per ora Van Aert può sorridere perché anche il vento degli episodi sembra cambiato. Pronti, via e Van Der Poel resta attardato nel traffico prima di rimontare sul tratto in asfalto: i due rivali cominciano a sfidarsi a colpi di scatti, con Pim Ronhaar a fare inizialmente da 'candela' prima di staccarsi. Il duello diventa triello quando spunta (finalmente) anche la sagoma di Pidcock, una comparsa in Costa Blanca e in generale nell'intera stagione del fango: anche in questo caso, con la priorità data dal britannico sempre alla strada, la cosa stupisce relativamente. Il vero momento di svolta della gara arriva quando Van Der Poel si pianta per un problema meccanico e perde oltre 20'', chiudendo solo quinto e spianando così la strada al successo di Van Aert: quest'ultimo in realtà, prima di trovare la prima vittoria stagionale in Coppa del Mondo, deve vedersela con una caduta e con la resistenza di Michael Vanthourenhout, che poi su un podio tutto belga precederà Thibau Nys prima di alzare bandiera bianca nella lotta per la vittoria della classifica generale, da oggi matematicamente di Eli Iserbyt.

Williams vince il Tour Down Under 2024

  Ben più a sorpresa è stato il trionfo del carneade Stephen Williams al Tour Down Under 2024. Il britannico fa la voce grossa nell'ultima tappa, domando il celebre Mount Lofty e riuscendo, anche grazie agli abbuoni, a precedere in classifica generale Jhonatan Narvaez e Isaac Del Toro, con quest'ultimo che si prende la palma di miglior giovane e di rivelazione di una corsa che, per la collocazione all'inizio del calendario stagionale e per il netto gap climatico con l'Europa, si conferma una vera e propria lotteria senza padroni.Leggi anche - Inter-Napoli di Supercoppa, le parole di Mazzarri alla vigilia  

Continua a leggere tutte le notizie di sport su