Azzurri d’Europa, l’exploit di Chiappinelli. Il fondista senese oro nella mezza maratona

Nel bilancio record degli atleti italiani spazio anche per i protagonisti di casa nostra: Siragusa si ferma per due volte in semifinale

14 giugno 2024
Azzurri d’Europa, l’exploit di Chiappinelli. Il fondista senese oro nella mezza maratona

Azzurri d’Europa, l’exploit di Chiappinelli. Il fondista senese oro nella mezza maratona

Agli Europei di atletica leggera di Roma, storici per i colori azzurri, erano presenti anche due portacolori senesi. Si tratta del Yohanes Chiappinelli e di Irene Siragusa che nelle rispettiva specialità si sono fatti valere. Partendo con il giovane Chiappinelli, cresciuto nell’Uisp Atletica Siena prima di passare ai Carabinieri, la prestazione della mezza maratona è stata importante così come quella di tutta la squadra azzurra. Straordinaria prova dei sei atleti italiani, protagonisti di un dominio assoluto con due ori e un argento. A trionfare è stato Yeman Crippa ma si festeggia la doppietta per merito di Pietro Riva: il piemontese riesce a piazzarsi secondo superando in volata sul rettilineo finale il tedesco Amanal Petros. L’Italia conquista l’oro a squadre grazie al decisivo sesto posto del pugliese Pasquale Selvarolo in 1h01:27, tra i primi dieci anche Eyob Faniel ottavo (1h01:29) e Yohanes Chiappinelli che giunge decimo (1h01:42) dopo una bella gara iniziata molto forte e poi comunque finita in crescendo nel finale.

Si è infranto invece il sogno della finale europea nei 200 metri per la valdelsana Irene Siragusa: la trentenne colligiana nella penultima giornata di gare era scesa in pista per due volte. Dopo aver conquistato nella mattina di lunedì la semifinale, in serata si è presentata ancora una volta nella corsia due per disputare la gara di accesso alla finale, ma, arrivata sesta con 23.17, è stata esclusa. "Ancora una volta sono partita dalla corsia due e lo ammetto, con la testa c’ero, volevo regalarmi un sogno, ho sempre desiderato questa finale – aveva detto l’atleta dell’Esercito dopo la comunque positiva prestazione personale –. Sono comunque contenta di essermi riconfermata sullo stesso tempo e su tutti i tempi stagionali, è la prima volta in cui ho questa costanza in una stagione". La finale è sfumata di poco anche nell’altra specialità che la vedeva impegna, ovvero la staffetta 4×100: le azzurre hanno chiuso al quarto posto dopo una semifinale travagliata per la squadra.

Ai blocchi di partenza questo era il quartetto disegnato: con Dalia Kaddari, Anna Bongiorni e Arianna De Masi c’è anche Irene Siragusa ma il terzo posto e la finale sfumano per soli 12 centesimi. "Un po’ di energie mi sono mancate – le sue parole al termine della gara – lo ammetto, ma con la testa c’ero. Volevo regalarmi un sogno. È il mio quinto campionato europeo, l’ho sempre sfiorata questa finale. Però sono contenta di essermi riconfermata con il tempo della batteria. E inoltre è la prima stagione che faccio così costante".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su