Rugby: parla il tecnico. "Il futuro dei Cavalieri? Nel vivaio giovanile»

Chiesa non ha dubbi ma è pronto a valutare altri innesti dall’esterno. A fine giugno al via gli allenamenti

9 giugno 2024
"Il futuro dei Cavalieri? Nel vivaio giovanile"

"Il futuro dei Cavalieri? Nel vivaio giovanile"

"Rinforzare la rosa con giocatori stranieri? Non sono pregiudizialmente contrario ma se devo essere sincero preferisco dare ulteriore fiducia al gruppo che ci ha portato fin qui. Resteremo alla finestra per monitorare eventuali occasione, ma ribadisco che l’intenzione resta quella di continuare a puntare oltretutto sul settore giovanile, come abbiamo fatto in tutti questi anni con risultati a mio avviso più che positivi".

Lo aveva annunciato nei giorni scorsi il tecnico Alberto Chiesa, a proposito del futuro dei "suoi" Cavalieri Union. Il gruppo osserverà qualche giorno di riposo, per poi ritrovarsi e ricominciare una prima tranche di allenamenti (con tutta probabilità a fine mese) in vista della Serie A1 2024/25.

La stagione 2023/24 per i Cavalieri è già storica, perché lascia comunque almeno due grandi aspetti ulteriori su cui poggiare la costruzione del futuro. Innanzitutto sono caduti gli ultimi tabù: con le vittorie stagionali contro Lazio e Torino (all’andata) capitan Puglia e soci hanno davvero dimostrato con i fatti di poter vincere contro chiunque. Bisognerà piuttosto fare un passo avanti nella gestione delle partite cruciali contro avversari di tale livello, ma solo l’esperienza diretta potrà fornire suggerimenti reali da applicare sul campo.

E poi, con la promozione della "cadetta" in Serie B, coach Chiesa avrà la possibilità di vedere i giovani non ancora pronti per la prima squadra vedersela con avversari di livello superiore rispetto alla C: confronti che potrebbero accelerarne il processo di maturazione e renderli disponibili più rapidamente anche al piano superiore.

Anche per questo c’è ulteriore fiducia in termini di eventuali nuovi innesti, da aggiungere alle sensazioni positive derivanti dai numeri fatti registrare fra "regular season" e Serie A: ventuno vittorie in ventiquattro partite, per 104 punti complessivamente conquistati.

Sono state ben 139 le mete messe a segno in questa stagione, che in aggiunta ai calci piazzati e alle trasformazioni, portano ad un totale di 981 punti segnati e 431 subìti dai Cavalieri Union. Numeri di tutto rispetto, numero che parlano di un gruppo solido, affiatato e che può coltivare ambizioni. Chissà che nel prossimo campionato i Cavalieri non riescano a fare un ulteriore passo in avanti.

Nei prossimi giorni dovrebbe, infine, essere ufficializzato il nome del nuovo presidente del club, che prenderà il posto di Francesco Fusi arrivato a fine mandato.

Giovanni Fiorentino

Continua a leggere tutte le notizie di sport su