Amarezza Gema. "Gara di alto livello. Il ko? A testa alta»

Nonostante la sconfitta, Del Re rimane ottimista: la Gema Pallacanestro Montecatini ha dimostrato di poter lottare alla pari con tutti, ora è tempo di ripartire. Una partita intensa, fisica, con molti contatti e dettagli decisivi.

5 dicembre 2023
"Gara di alto livello. Il ko? A testa alta"
"Gara di alto livello. Il ko? A testa alta"

Nonostante la sconfitta al fotofinish nel dodicesimo derby di Montecatini, è un Marco Del Re piuttosto rilassato quello che si presenta davanti ai taccuini nel post-partita: "Per quanto mi riguarda sono state più difficili da digerire le sconfitte contro Crema e Sant’Antimo, perché siamo stati puniti oltre i nostri demeriti anche da episodi sfavorevoli, ma anche per nel caso del ko casalingo contro la Libertas possiamo recriminare per il 1530 ai tiri liberi, in una partita persa di 6 punti – confessa il coach della Gema Pallacanestro Montecatini –. Questa è stata una sconfitta più che onorevole, in una partita di altissimo livello con grandi giocatori come protagonisti, che fa parte di un percorso di crescita. Nella pallacanestro non esiste il pareggio, o si vince o si perde: noi abbiamo perso da una squadra che ha dimostrato di essere in cima alla classifica con merito, tuttavia sono stati i dettagli a determinare il risultato finale. Noi siamo lì e siamo orgogliosi di esserci e di provarci sempre e comunque, fortunatamente il calendario ci dà subito un’occasione per ripartire". Il match è stato ondivago, incerto, pieno di strappi e black-out da una parte e dall’altra, Gema però era riuscita a prendere in mano la situazione ad inizio terzo quarto, portandosi sul 44-36, salvo poi farsi rimontare: "In quel momento non siamo stati lucidi per fermare la partita quando gli Herons chiaramente hanno provato a rientrare, avevamo falli da spendere e non lo abbiamo fatto come già ci è capitato in altre situazioni – analizza Del Re – Anche sul finire del terzo periodo abbiamo avuto l’opportunità di allungare ma qualche errore di troppo ai liberi non ce lo ha permesso. E’ stata una partita intensa, fisica, con moltissimi contatti: siamo partiti un po’ contratti ma direi che alla fine l’abbiamo condotta bene considerando il livello dell’avversario che avevamo davanti. Abbiamo ancora una volta dimostrato di poter lottare alla pari con tutti, ora dobbiamo resettare e ripartire".

Filippo Palazzoni

Continua a leggere tutte le notizie di sport su