Basket Chiusi al pubblico solo per legge. Il ’pasticciaccio’ dei palazzetti tra multe e degrado

Una società di basket multata per offese collettive del pubblico non presente in una struttura dove l'ingresso è limitato agli addetti ai lavori. Un ossimoro che si ripete anche ad Avenza, dove un recente documento limita gli ingressi.

1 dicembre 2023
Il ’pasticciaccio’ dei  palazzetti tra multe e degrado
Il ’pasticciaccio’ dei palazzetti tra multe e degrado

Può succedere che in una partita giocata in una struttura dove, secondo un documento emanato dal Comune, l’ingresso è autorizzato solo per atleti, tecnici e dirigenti accompagnatori (ma niente pubblico, pagante o non pagante), una società prenda una ammenda di 40 euro per offese collettive e frequenti del pubblico agli arbitri ? In teoria no perché sarebbe un ossimoro, a Carrara invece tutto è possibile. E’ accaduto per il derby di basket tra Legends e Audax, con la società gialloazzurra multata per una qualche intemperanza del pubblico che non dovrebbe esserci. Non è la prima volta, perché al palazzetto di Avenza (dove l’ingresso del pubblico è formalmente, ma solo formalmente, inibito al pubblico per mancanza delle certificazioni antincendio e antisimiche ormai da quasi due anni) è già accaduto diverse volte, ma adesso è successo anche alla Dogali, dove fino ad oggi nessuno aveva mai risposto alla richiesta di conoscere la capienza consentita in tribuna, ma dove un recente documento limita gli ingressi agli addetti ai lavori. Ad Avenza invece il palazzetto perde pezzi perché nel secondo tempino dell’ultima partita di basket dell’Audax del ds Massimo Alibani (nella foto), un tiro ha mancato il canestro ma ha centrato la spugna protettiva della parte inferiore del tabellone lato Sarzana, che in parte è saltata.

ma.mu.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su