Batte vicenza dopo una gara complicata al palaruggi. Andrea Costa in volo. Soffre, ma vince ancora

L'Andrea Costa Imola vince una partita sudata contro Vicenza, grazie a una buona difesa e all'ispirato Drocker. Un break decisivo nell'ultimo quarto, nonostante l'uscita per falli di Aukstikalnis, porta a casa due punti d'oro.

di LUCA MONDUZZI -
4 dicembre 2023
Andrea Costa in volo. Soffre, ma vince ancora
Andrea Costa in volo. Soffre, ma vince ancora

Andrea Costa

77

Vicenza

73

Andrea Costa Imola: Drocker 20, Fazzi 11, Sorrentino, Aukstikalnis 16, Ranuzzi 8, Corcelli 2, Marangoni 4, Bresolin, Martini 2, Ronchini ne, Crespi 14. All. Di Paolantonio.

Civitus Vicenza: Bugatti 11, Riva 8, Antonietti 8, Carr ne, Cernivani 2, Cucchiaro 14, Lurini 5, Brescianini ne, Campiello 4, Ambrosetti 8, Brambilla 8, Terenzi 5. All. Cilio.

Parziali: 22-18; 36-37; 62-55.

Arbitri: Melai e Frosolini. Note: Tiri da due: 2344; 1536. Tiri da tre: 421; 828. Tiri liberi: 1930; 1926. Rimbalzi: 49-38.

Ancora una vittoria per l’Andrea Costa, forse più sudata del previsto contro una Vicenza che non ha mollato fino alla fine, ma quanto mai preziosa. Imola ha provato a scappare nel terzo quarto, subito ripresa dai veneti, poi nell’ultimo il break decisivo pur senza Ausktikalnis fuori per falli.

Una buona difesa e l’ispirato Drocker spingono il primo break sull’8-3 al 2’ in un avvio soft che si scalda subito dopo un evidente fallo non fischiato a Drocker che anima la contesa (c’è anche un tecnico a Di Paolantonio). L’Andrea Costa prova a scappare con il solito Aukstikalnis, ma Vicenza resta a contatto colpendo dalla lunga mentre nel secondo quarto il calo offensivo propizia il sorpasso ospite che si concretizza alla pausa lunga.

Alla ripresa dei giochi, sale in cattedra Ranuzzi che trova il canestro che ridà fiducia davanti a Imola che però non riesce a scrollarsi di dosso i veneti fino quando un 10-0 firmato da Aukstikalnis e dall’ottimo Fazzi vale il 58-49 al 28’.

I biancorossi non la uccidono e Vicenza torna avanti sul 66-67 al 36’, con Aukstikalnis out per falli. Crespi riporta avanti i suoi, poi l’esperienza di Ranuzzi guida l’ultimo break dell’Andrea Costa che sale sul 74-67 al 39’ e porta a casa due punti d’oro.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su