E-Work, Ragusa è solo un impiccio. L’obiettivo resta il campionato

Giovedì alle 20.30 turno di Coppa Italia in Sicilia. La testa però è già al match del 14 contro Brescia

2 gennaio 2024
E-Work, Ragusa è solo un impiccio. L’obiettivo resta il campionato
E-Work, Ragusa è solo un impiccio. L’obiettivo resta il campionato

Un viaggio in Sicilia fuori programma attende l’E-Work nel turno preliminare di Coppa Italia che si giocherà giovedì alle 20.30. Le faentine affronteranno Ragusa, arrivata sesta al termine dell’andata, avversaria che la dirigenza avrebbe evitato non tanto per il -30 incassato lo scorso 20 dicembre, ma perché questa trasferta richiederà un notevole esborso economico non previsto, per una manifestazione che di fatto non conta nulla. Questa partita è infatti soltanto una ‘scomodità’ per l’E-Work, già focalizzatasi sul match casalingo di domenica 14 gennaio contro Brescia, da vincere ad ogni costo.

Purtroppo però ci sarà anche la gara di Ragusa da giocare che servirà a coach Seletti come amichevole in vista del ritorno in campo dopo la sosta. Al turno preliminare di Coppa Italia partecipano le classificate dal quinto al 12° posto al termine dell’andata conclusasi sabato scorso (solo Battipaglia ultima con zero punti non parteciperà) con le vincenti che affronteranno domenica nei quarti le teste di serie Venezia, Schio, Bologna e Campobasso. La final four sarà a Torino il 16 e 18 marzo, ma in quel week end era già stato fissato un turno di campionato e così le semifinaliste dovranno rinviare il loro incontro. Tra queste gare ci sarà anche Schio - Faenza dato che le scledensi parteciperanno sicuramente alla coppa.

Questo il programma del turno preliminare di coppa (tra parentesi l’avversaria dei quarti di finale): Sesto San Giovanni – Milano (Campobasso); Ragusa – Faenza (Virtus Bologna); San Martino di Lupari – Roma (Schio); Sassari – Brescia (Venezia). Passando al campionato, l’E-Work ha chiuso l’andata all’undicesimo posto, posizione che salvo miracoli occuperà anche a fine stagione. I quattro punti di distacco da Brescia e Roma paiono incolmabili perché oltre a dover vincere tre gare in più delle avversarie, le faentine saranno chiamate anche a ribaltare il -6 con Brescia e il -23 con le laziali. Per blindare invece il piazzamento occorrerà battere Milano al PalaBubani domenica 28 gennaio, bissando il successo dell’andata che vorrebbe dire guadagnare quattro punti sulle meneghine. L’11° posto garantirebbe all’E-Work di avere il fattore campo nel primo turno playout dove con tutta probabilità troverà proprio Milano e, in caso di sconfitta, di mantenerlo anche con Battipaglia, salvo che le campane non si rinforzino in maniera importante nei prossimi mesi ed invertano il trend. La classifica al termine dell’andata: Venezia 24; Schio 20; Bologna e Campobasso 18; Sesto San Giovanni, Ragusa e San Martino di Lupari 14; Sassari 12; Brescia e Roma 8; Faenza 4; Milano 2; Battipaglia 0.

Luca Del Favero

Continua a leggere tutte le notizie di sport su