Qui Fabo. Una prova di forza da vera capolista

La Fabo Herons Montecatini vince 87-82 contro la Sae Scientifica di Legnano, dimostrando forza mentale e tecnica. Nonostante l'assenza di Chiera, Arrigoni e Giancarli debilitati dall'influenza e un infortunio a Lorenzetti, la squadra ha saputo rimanere lucida e superare gli avversari. Una vittoria dedicata ai tifosi.

19 dicembre 2023
Una prova di forza da vera capolista
Una prova di forza da vera capolista

Una prova di forza, forse più mentale che tecnica, ma è difficile definire diversamente il successo per 87-82 con cui la Fabo Herons Montecatini è riuscita ad espugnare il PalaBorsani di Legnano: sotto anche di 13 punti a metà secondo periodo, Natali e compagni non si sono scomposti davanti a un primo tempo sontuoso della Sae Scientifica e si sono presi di prepotenza il match con un 49-37 di parziale nei secondi due quarti. Il tutto dovendo fare a meno ancora una volta di Chiera: "Non solo eravamo penalizzati dall’assenza di Adrian, anche Arrigoni e Giancarli hanno giocato debilitati dall’influenza e a fine terzo quarto si è fatto male Lorenzetti – aggiunge coach Federico Barsotti –. Questi ragazzi però sono veramente tosti, hanno mostrato una solidità incredibile, anche a livello psicologico, e una voglia di andare oltre ogni ostacolo che non ha eguali. Sono molto contento perché è stata una grande vittoria, una vittoria che nasce da quello in cui crediamo, dal nostro modo di essere, di giocare e di interpretare questo sport, in cui tutti i componenti di una squadra possono essere protagonisti". Una vittoria figlia anche dei nervi saldi nel non disunirsi di fronte alle folli percentuali della Sae Scientifica (79 da tre punti nei 20’ di apertura) e della pazienza nel ricucire lentamente ma inesorabilmente il divario che si era creato: "In attacco all’inizio ci siamo accontentati di prendere tiri rischiosi senza attaccare bene per costruirne di migliori. E’ normale che poi una squadra dall’enorme talento come Legnano venisse fuori – commenta il condottiero degli "aironi" –. Dopo che la squadra di casa si è portata sul 41-28 i ragazzi sono stati bravi a rimanere lucidi, a differenza di quanto successo a Sant’Antimo. Dopo l’intervallo poi abbiamo preso coraggio, sentivamo che la partita poteva diventare nostra. Abbiamo impattato alla grande e abbiamo superato di slancio i nostri avversari. Dedico questa vittoria a tutti i tifosi che ci hanno seguito".

Filippo Palazzoni

Continua a leggere tutte le notizie di sport su