Sella, uno sforzo in più contro la Juvi degli ex

Basket serie A2: la formazione di Bechi e Cotton viene da tre ko di fila. Mecacci: "Niente calcoli, bisogna vincerne il più possibile per i playoff".

17 febbraio 2024
Sella, uno sforzo in più contro la Juvi degli ex

A Delfino e compagni il compito di tenere lontano il nono posto, dopo gli ultimi risultati non positivi delle rivali (Foto Business Press)

Cento si prepara alla sfida contro la Juvi Cremona, in programma domani al PalaRadi (ore 18), prima trasferta dell’orologio dopo il debutto vincente di sabato scorso alla Baltur Arena con Casale. E sarà anche la sfida degli ex, con la Benedetto che si troverà di fronte coach Bechi e Tekele Cotton. "Contro Cremona ci auguriamo di proseguire la nostra striscia positiva, anche se non sarà facile – commenta alla vigilia Mecacci –. Affronteremo una squadra che ha disputato un eccellente campionato, facendo anche a meno per un certo periodo di uno dei due americani, Tekele Cotton, che conosciamo molto bene per essere stato uno dei protagonisti della prima salvezza della Benedetto in A2, ormai tre stagioni fa. Hanno sostituito Medford con Shahid, che è un elemento dal grande talento offensivo, e possono contare su un gruppo di italiani molto significativo: basti pensare a Musso, veterano della categoria, oppure a Magro e Benetti, che erano 2 dei 4 lunghi della Pistoia che l’anno scorso ha vinto il campionato. La loro stagione è stata caratterizzata da tanta continuità, anche se vengono da tre sconfitte consecutive, e questo significa che ci troveremo davanti una squadra arrabbiata. Dalla nostra, siamo nella condizione di non poter fare troppi calcoli: davanti abbiamo nove finali e cercheremo di vincerne il più possibile".

Quinta nel girone verde con 12 vittorie in 22 partite, la Juvi, reduce dal ko al Paladozza, si presenta però con tre successi nelle ultime 4 gare interne. Domani, i fari principali saranno puntati su Shadid, che ha chiuso le 5 gare di regular season giocate in maglia oroamaranto a oltre 20 punti di media. Ma servirà massima attenzione anche sul resto del roster. "La produzione offensiva di Cremona non si limita al solo Shahid, hanno tanti giocatori che possono fare canestro, come Sabatino e Tortù, che stanno facendo molto bene. Non dovremo giocare una partita all’arrembaggio, ma restare solidi e contenere le palle perse, in modo tale da avere più situazioni facili per limitare il contropiede, uno dei loro punti di forza.

Il numero dei nostri canestri segnati – prosegue il tecnico – dipenderà anche dal modo di attaccare la difesa, ma anche e soprattutto dalla maniera di giocare: in questo momento stiamo nuovamente provando a proporre una pallacanestro diversa, è la quarta volta in questa stagione e sembra sia quella giusta. Abbiamo inserito un palleggiatore in più come Delfino e abbiamo quintetti più amalgamati nella rotazione degli esterni, quindi dobbiamo proseguire su questa strada, sperando di lavorare in settimana senza acciacchi".

Giovanni Poggi

Continua a leggere tutte le notizie di sport su