Tarros, è Rajacic-show. Serravalle deve arrendersi

L’ingresso del serbo dà il la a una vittoria travolgente. Ora la sfida a Lucca .

19 gennaio 2024
Tarros, è Rajacic-show. Serravalle deve arrendersi
Tarros, è Rajacic-show. Serravalle deve arrendersi

TARROS

92

SERRAVALLE

63

(25-13, 45-30, 76-46)

TARROS SPEZIA: Carpani 16, Mencarelli ne, Preci, F. Paoli 13, M. Paoli 12, Steffanini 2, Fazio 2, Pietrini ne, Burla 3, Sakalas 17, Tintori 6, Rajacic 21. All. Scocchera. TL: 16/17.

SERRAVALLE: Gay 3, Rossi 1, Taverna 11, Razic 7, Tava 4, Ruiu 13, Corino ne, Pavone 10, Perez 2, Ragazzini 12. All. Gatti. TL: 9/13.

Arbitri: Sposito di Livorno e Rossetti di Rosignano

LA SPEZIA – Al 5° Rajacic si alza dalla panchina. Trenta secondi dopo entra in campo subentrando a Matteo Paoli. Passano altri 30 secondi ed inizia lo show del serbo che confeziona tre triple consecutive oltre ad altri 2 punti in penetrazione in 1’40’’ che spaccano decisamente una gara per altro già abbastanza indirizzata (si era sul 10-4 al momento del suo ingresso sul parquet). Filippo Paoli poi mette altri due liberi e così all’8° sul 23-8 il match della Tarros è praticamente segnato. Serravalle non è certamente Arezzo in difesa, che solo tre giorni prima aveva recuperato agli spezzini il -18 andando poi a vincere, e così i bianconeri possono spiegare le proprie ali offensive e volare, tornando non solo alla vittoria ma ritrovando un proprio protagonista dopo quasi tre mesi di assenza per infortunio. L’impatto del ‘nuovo’ esordio di Rajacic in campionato è sontuoso e devastante. Serravalle esce dunque subito dai giochi del match riavvicinandosi timidamente al 18° (39-30), ma prontamente ricacciata oltre la doppia cifra da due triple di Matteo Paoli e Carpani. C’è gran voglia di fare da parte di tutti e lo si nota anche quando con la gara già indirizzata, Fazio ad esempio, ma non solo lui, si getta su palloni apparentemente persi che poi diventano possessi catalizzati a canestro dai compagni. Con Sakalas e Rajacic in panca l’ultima frazione è pura accademia e nel finale c’è anche la gioia del giovanissimo Burla che dall’angolo mette la tripla del 92-59. Dopodomani, match verità a Lucca con i biancorossi che ci arrivano in gran fiducia dopo aver battuto le prime due in classifica: Cecina e poi sbancando Siena.

Gianni Salis

Continua a leggere tutte le notizie di sport su