Arezzo, sprint playoff. Pattarello superstar . Tre schiaffi al Pineto

Seconda vittoria di fila, la prima contro gli abruzzesi. Determinanti i calci da fermo . Apre Chiosa, doppietta per l’attaccante con il Cavallino che sale all’ottavo posto.

18 marzo 2024
Pattarello superstar . Tre schiaffi al Pineto

Emiliano Pattarello, 24 anni, assoluto protagonista a Pineto con una doppietta

di Luca Amorosi

AREZZO

L’Arezzo sbanca Pineto, sfatando il tabù con gli abruzzesi e superando un insidioso test playoff. In trasferta gli amaranto non vincevano dalla gara con la Carrarese e non segnavano dal pareggio di Pontedera: in un colpo solo il Cavallino ne segna tre, ritrova i gol di Pattarello e centra la seconda vittoria di fila. Niente turnover stavolta per Indiani, che conferma modulo e dieci undicesimi della formazione di domenica scorsa, con il solo Montini al posto di Coccia. Pronti-via e l’Arezzo rischia subito grosso: Gambale crossa in mezzo ma Njambé non riesce a ribadire in rete a pochi passi dalla porta. Dopo un approccio complicato, l’Arezzo si ricompone e al 16’ trova il vantaggio su schema da calcio d’angolo: Guccione batte basso all’indietro per Gaddini che crossa di prima e trova la deviazione vincente, di testa, di Chiosa, al secondo gol di fila. I padroni di casa accusano il colpo e l’Arezzo, spietato, raddoppia cinque minuti dopo, sfruttando ancora una palla inattiva calciata da Guccione direttamente in porta: Tonti respinge addosso a Gucci, la palla rimane a disposizione di Pattarello che sulla linea di porta ribadisce in rete di testa. L’Arezzo è in controllo ma all’improvviso, a nove minuti dalla fine del primo tempo, il Pineto la riapre con un gran gol da fuori di Borsoi che non lascia scampo a Trombini. L’inerzia cambia e gli abruzzesi ora schiacciano il Cavallino nella propria metà campo. Borsoi, galvanizzato dal gol, impegna Trombini con un altro tiro da fuori, mentre l’Arezzo prova a pungere in ripartenza, ma rischia a sua volta di subire gol in contropiede come al 42’, quando Donati è provvidenziale in chiusura su Germinario. Finisce così un primo tempo senza esclusione di colpi.

In avvio di ripresa Indiani inserisce Foglia per Damiani, ammonito. La partita continua sugli stessi binari: Arezzo pericoloso su piazzato, Pineto aggressivo e ficcante. Al 51’ Lazzarini sbaglia in disimpegno e favorisce Njambé, su cui è decisivo Trombini. Al 65’, però, ecco l’episodio che indirizza definitivamente la sfida: Gucci spizza di testa per Pattarello che brucia sul tempo i difensori di casa e viene steso a tu per tu con Tonti. Rigore ed espulsione per il Borsoi, autore del fallo. Dal dischetto Guccione colpisce il palo, ma sulla ribattuta è lesto e chirurgico Pattarello che insacca firmando la personale doppietta. Con un uomo in più e il doppio vantaggio, l’Arezzo gioca sul velluto: Catanese sfiora la prima rete in amaranto a un quarto d’ora dalla fine, poi la partita fila via fino al triplice fischio, che decreta che, per la volata playoff, c’è anche l’Arezzo. Le avversarie sono avvisate.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su