Il figlio dell’ex sindaco. Fine corsa per l’arbitro Michele Delrio. La sua carriera si è fermata alla Serie C

La stagione calcistica 2024-25 ha visto l'Aia annunciare gli organici, escludendo Michele Delrio dalla Can C. Gli arbitri dismessi hanno varie opzioni, dall'ots alla Seconda categoria o diventare assistenti nella categoria superiore.

3 luglio 2024
Fine corsa per l’arbitro Michele Delrio. La sua carriera si è fermata alla Serie C

Fine corsa per l’arbitro Michele Delrio. La sua carriera si è fermata alla Serie C

Col primo luglio è iniziata ufficialmente la stagione calcistica 2024-25 e anche il mondo arbitrale si è mosso con l’Aia che ha reso noti gli organici per questa nuova annata: non è arrivata la promozione in Can A/B per il reggiano Michele Delrio (figlio dell’ex sindaco Graziano), che quindi dopo cinque anni (limite massimo) nella Can C è stato dismesso e non sarà al via tra gli arbitri di terza serie.

Cosa accade agli arbitri dismessi? Le opzioni sono molteplici. Potrebbe arbitrare all’ots (organo tecnico sezionale), ovvero fino alla Seconda categoria (in alcune regioni fino alla terza). In casi eccezionali c’è la possibilità, per carenza di organico, di ritornare nei campionati regionali ma senza possibilità di essere riproposto a livello nazionale. Oppure si può diventare, tramite un corso estivo con selezione, assistente nella categoria superiore.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su