Tris di hurrà per il Carpineti: pass ipotecato. Vettus in difficoltà, qualificazione a rischio

Due gol in 23 minuti hanno spianato la strada ai biancazzurri di casa. Muratori: "Fame e testa giusta". Ruffini: "Siamo partiti molli"

di FEDERICO PRATI -
24 giugno 2024
Tris di hurrà per il Carpineti: pass ipotecato. Vettus in difficoltà, qualificazione a rischio

Tris di hurrà per il Carpineti: pass ipotecato. Vettus in difficoltà, qualificazione a rischio

TRICOLORE CARPINETI

2

VETTUS

1

TRICOLORE CARPINETI: Casolari, Croci, Leonardo Silvestri, Okoruwa, Tommaso Graziano, Diana, Spadaccini (91’ Pantani), Giovanni Graziano, Motti, Corciolani, Spaviero. A disp.: Bertoni, Lugli, Currà, Ruggi, Niccolò Silvestri, Rivi. All.: Muratori.

VETTUS: Grasselli, Tosi, Genitoni, Mungo (69’ Minelli), Bonalumi, Pirola, Predelli (46’ Peila), Baldan, Pesenti, Basanisi (92’ Cristian Lodi). A disp.: Bergonzani, Rodolfi, Riccardo Lodi. All.: Ruffini.

Arbitro: Iotti (Pigucci – Falcitano).

Reti: 4’ Spaviero; 23’ Motti; 82’ (rig.) Pesenti.

Note: giornata variabile con sprazzi di sole e pioggia; campo perfetto; spettatori 200 circa. Ammoniti: Genitoni, Croci e Casolari; rec. 1’+3’.

Nei Giovanissimi secco poker per il Carpineti trascinato dai double dei centrocampisti Improta (punizione e tiro da fuori) e Rusticelli con rasoterra dall’area di rigore e conclusione dalla distanza.

Tris di hurrà per il Carpineti che ipoteca i quarti di finale. Il pass potrebbe già materializzarsi giovedì nel turno infrasettimanale contro il Gatta. Due fiammate di Spaviero e dell’altro bomber Motti hanno spianato la strada ai biancazzurri di casa, poi ci ha pensato il guardiano locale Casolari a neutralizzare i tentativi del Vettus, a segno soltanto dagli undici metri col puntero ex granata Max Pesenti.

"Questa era la prova del nove e abbiamo dimostrato di avere fame e la testa giusta. Ora pensiamo alla prossima", rilancia un soddisfatto mister Simone Muratori che ha vinto il derby col collega Marcello Ruffini. "Siamo partiti molli e un gol a freddo ci ha complicato i piani. Abbiamo creato diverse occasioni e alcune parate del loro portiere non ci hanno permesso di riaprire la sfida. Siamo ancora in corsa e lotteremo fino alla fine in un girone molto equilibrato".

E’ cambiata l’aria a Carpineti, come conferma il capitano Simone Spadaccini: "Dopo alcune estati piene di bocconi amari, siamo finalmente sulla strada giusta. Il segreto? Il giusto mix fra locali ed esterni che si sacrificano dal primo all’ultimo su ogni pallone".

Un lungo fraseggio carpinetano porta palla a Spaviero (ex Modena) che si accentra ed esplode un sinistro imparabile dai 20 metri destinato al sette per il vantaggio locale. Sull’altro fronte il difensore Genitoni supera Diana in lob, ma la conclusione trova la respinta in corner di Casolari. Su un’uscita del Vettus, preziosa palla recuperata da Spadaccini in scivolata che serve il toscano Motti, abile a saltare Bonalumi e ad insaccare dal limite con un sinistro rasoterra. Reazione vettese affidata al centravanti Pesenti che prima calcia alto, poi in girata si fa chiudere in corner dall’attento Casolari che proprio prima del riposo dice no anche a Baldan.

Nella ripresa il Carpineti sfiora il tris su ripartenza col tiro-cross di Spadaccini e con una conclusione dello stopper Diana alta di poco, ma il Vettus torna in gara col penalty guadagnato e trasformato dal freddo Pesenti che spiazza Casolari.

Nel finale altra girandola di occasioni non sfruttate in sequenza da Corciolani e Spadaccini e, proprio all’ultimo istante, il centrocampista Baldan calcia a fil di palo la chance per l’incredibile pareggio.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su