Emma Villas, la prima gioia al PalaEstra. Superato in tre set l’insidioso Santa Croce

La Emma Villas Siena supera l'insidioso test rappresentato da Santa Croce in tre set, rimanendo ben salda nelle parti alte della graduatoria. Tallone MVP dell'incontro, Pierotti ritorna in campo con 13 punti. Siena a +9 sull'ottava piazza.

27 dicembre 2023
Emma Villas, la prima gioia al PalaEstra. Superato in tre set l’insidioso Santa Croce
Emma Villas, la prima gioia al PalaEstra. Superato in tre set l’insidioso Santa Croce

Emma Villas

3

Santa Croce

0

EMMA VILLAS: Copelli 7, Trillini 8, Nevot 3, Bonami, Tallone 13, Coser, Krauchuk 12, Milan 1, Gonzi, Acuti, Pierotti 13, Pellegrini, Ivanov, Picuno. All. Graziosi.

SANTA CROCE: Gabbriellini, Coscione 1, Parodi, Brucini, Cargioli 6, Russo, Colli 9, Matteini, Gatto, Giannini, Loreti, Allik 7, Mati 9, Lawrence 17. All. Bulleri.

Arbitri: Papadopol, Merli.

Parziali: 25-16, 29-27, 25-23.

SIENA – Siena supera l’insidioso test rappresentato da Santa Croce in tre set e rimane ben salda nelle parti alte della graduatoria. La prima vittoria al PalaEstra è arrivata dopo tre parziali dall’andamento completamente diverso; dominato il primo, senza concedere chance agli avversari; supercombattuto il secondo, terminato ai vantaggi dopo una pletora di occasioni per entrambe le squadre; di rimonta da -8 il terzo, apparentemente perso ma poi concluso in gloria. Il classico di Natale tra le due squadre sorride dunque alla Emma Villas, sempre più salda nel gruppo di alta classifica che insegue la lepre Grottazzolina. Mvp dell’incontro Tallone, autore dei punti decisivi (13 in tutto) per rimonta e sorpasso nel terzo set, inclusa la palla che ha chiuso definitivamente i conti. Molto bene anche Pierotti, autore di 13 punti con il 59% di produttività. Bene Trillini a muro, meno preciso Krauchuk, a segno soltanto nel 32% dei 34 attacchi messi a disposizione da Nevot. Di là c’era l’ex Parodi, rimasto praticamente inutilizzato se non per un paio di ricezioni nel corso del terzo set. Il vantaggio sull’ottava piazza sale a nove punti e alle porte, fra tre giorni, c’è l’opportunità di raccogliere ancora una volta l’intera posta contro la pericolante Ortona.

Il ritorno di Pierotti è la bella notizia al momento dell’annuncio dei sestetti di partenza; lo schiacciatore, vittima contro Grottazzolina di una ferita lacerocontusa alla tibia, viene subito innescato da Nevot per il primo punto della gara. In un attimo è +4 Siena (5-1), con Santa Croce alle corde; un timido tentativo di rientro della squadra pisana è subito stoppato da Krauchuk e compagni; al secondo setpoint Trillini mette a terra il punto del 25-16. Tutto uguale nel secondo set? Sembrerebbe di sì quando Siena vola sul 7-3, ma stavolta Santa Croce non si arrende e si porta avanti 10-9. Si prosegue di break e minibreak senza che nessuna delle due riesca a mettere insieme un margine di due lunghezze. Tallone mura Lawrence per il 23-22, si va ai vantaggi dove, alla sesta opportunità per chiudere il set, è decisivo l’errore di Allik: 31-29.

Nel terzo gli ospiti partono meglio: prima 5-1, poi anche 10-4, quindi addirittura 16-9 nella fase centrale del parziale, quando tutto sembra apparecchiato per andare al quarto. Poi la ricezione ospite va completamente in tilt, nessuno in maglia biancorossa riesce a mettere in condizione Coscione di alzare palle speciali per i suoi martelli, così Siena pian piano accorcia con i soliti Pierotti e Trillini (12-16), quindi sfrutta il muro di Nevot per arrivare al 16-17. Santa Croce riprende due punti di vantaggio e un minimo di inerzia (17-20), ma sale nuovamente in cattedra Tallone. Sul 19-20 conclude uno scambio infinito, poi va di nuovo a segno per il sorpasso biancoblù; Siena si esalta, i Lupi si abbattono, arrivano tre setpoint consecutivi sul 24-21. Sui primi due la squadra di Bulleri lavora bene, sul terzo Tallone non perdona e chiude i conti: 25-23.

Stefano Salvadori

Continua a leggere tutte le notizie di sport su