Virtus, un altro passo falso: perde a Pesaro e manca la vetta

Le V nere soccombono per un solo punto: 87 a 86: è dal 5 febbraio che non raccolgono un successo in trasferta

di MASSIMO SELLERI -
17 marzo 2024
Un momento della partita

Ciamillo.

Bologna, 17 marzo 2024 – Una sciocchezza di Alessandro Pajola a 5 decimi dalla fine del primo supplementare impedisce alla Virtus di mettere un freno al mal di trasferta con la formazione allenata da Luca Banchi che è dall’ormai lontano 5 febbraio che non raccoglie un successo quando gioca lontano dal proprio campo.

Le ragioni possono essere diverse, sta di fatto che con Milano che perde a Venezia e con Brescia che si è fermata a Sassari, i bianconeri hanno perso una occasione per agganciare la Leonessa in cima alla classifica del campionato e per tenere a debita distanza l’Olimpia. Questi sono gli effetti negativi dello scivolone pesarese e poi, a rendere ancora più amaro l’esito di questa partita, ci sono anche gli auspici dato che nei prossimi otto giorni i bolognesi saranno impegnati a Kaunas, a Belgrado, sponda Stella Rossa, e poi a Brescia. In altre parole se non si trova un rimedio alle difficoltà che assalgono i virtussini quando stanno lontano dalle Due Torri c’è il rischio concreto di gettare alle ortiche una parte di quanto fino a qui si è fatto di buono.

Dal punto di vista tecnico la prestazione della V nera la si può motivare in vari modi, il primo è che l’assenza di Daniel Hackett mette Pajola nella condizione di prendersi responsabilità che non è ancora in grado di prendersi, la seconda è Marco Belinelli sembra entrato in un periodo di flessione e questo accentua ancora di più l’assenza del play italostatunitense e la terza è che non si possono sbagliare così tanti liberi.

Gli ospiti partono forte andando sul + 8 (20-28) e poi sembrano gestire bene la reazione dei padroni di casa e toccano anche il 33-42. Qui l’incontro cambia volto con Pesaro che inizia a tirare fuori la cattiveria e con Bologna che sembra essere sempre meno sicura di quanto deve fare per portare a casa questi due punti. Arriva la parità (59-59 poi bianconeri hanno un altro sussulto (61-67), ma si spengono troppo presto e c’è un nuovo aggancio. Anche la stanchezza gioca un ruolo importante e il calore del pubblico marchigiano si fa

sentire.

Nessuna delle due squadre riesce ad infilare il colpo del ko andando al supplementare (72-72) ed essendo in

parità a 5 decimi dalla fine della gara quando Pajola commette fallo su Andrea Cinciarini, una vecchia volpe che infila il primo e sbaglia il secondo per far suonare la sirena.

IL TABELLINO

VUELLE PESARO: McDuffie 23, Bmaforth 2, Bluiett 5, Visconti, Wright-Foreman 12, Ford, Maretto, Tambone 6, Cinciarini 19, Mazzola 7, Totè 13. All. Sacchetti

VIRTUS BOLOGNA: Lundberg 15, Belinelli 18, Pajola, Dobric 8, Mascolo, Shengelia 16, Menalo ne, Mickey 16, Polonara 3, Zizic 8, Abass 8, Cordinier 2. All. Banchi

Arbitri: Mazzoni, Perciavalle, Quarta.

Note. Parziali: 18-19; 33-36; 50-53; 72-72.

Tiri da due: Pesaro 21/46; Bologna 17/40. Tiri da tre: 10/35; 9/26. Tiri liberi 15/20; 25/35. Rimbalzi 45; 44.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su