Bologna FC, Thiago Motta: “Testa a Udine, non possiamo fermarci. Mercato? Situazione chiara”

Il tecnico rossoblù in conferenza stampa a due giorni dalla trasferta di Udine: “Al 2024 chiedo salute. Il mio futuro? Se ci saranno novità le saprete”. Tremila tifosi pronti all’esodo alla Dacia Arena

di ALESSANDRO GALLO -
28 dicembre 2023
Thiago Motta prepara la sfida all'Udinese: "Non possiamo fermarci"
Thiago Motta prepara la sfida all'Udinese: "Non possiamo fermarci"

Bologna, 28 dicembre 2023 –  “Cosa chiedo al 2024? La salute. Tutto il resto viene di conseguenza”. Thiago Motta parla, come tradizione, due giorni prima del match (sabato la trasferta a Udine) e per il prossimo anno chiede quella salute, per lui e per la squadra, che può essere fondamentale per andare lontano. E per andare lontano non ci sono alternative. (San) Thiago, come ormai molti lo etichettano a Bologna, cala il suo mantra. "Testa all’Udinese, non possiamo fermarci”. Ed effettivamente il Bologna è una squadra che, perdendo pochissimo (solo due sconfitte nelle prime 17 giornate, all’esordio con il Milan e poi con la Fiorentina), ha cambiato marcia nell’ultimo mese, ottenendo non solo un quarto posto solitario in campionato, ma passando anche il turno di Coppa Italia ai danni di un’Inter che vinceva questo trofeo da ormai due stagioni.

Mercato

Dietro l’angolo non c’è solo la trasferta a Udine – già 3mila i tifosi pronti a mettersi in marcia sul capoluogo friulano, ma il numero potrebbe anche crescere –, ma anche il mercato che potrebbe cambiare determinate situazioni. Magari anche alla luce degli infortuni.

E sul mercato, Motta non ha dubbi. “Sappiamo le cose che si possono fare. La situazione è molto chiara". Come non ha dubbi, senza in realtà rivelare nulla, sul suo futuro all’ombra delle Due Torri. Il contratto è in scadenza a giugno, la società vorrebbe prolungare e Thiago? “Se ci saranno novità lo saprete”.

Dispiacere per Ndoye

Chiusura, appunto, con gli infortunati. O meglio, con l’infortunato, Dan Ndoye che, anche alla luce del gol qualificazione realizzato a San Siro, era considerato uno degli elementi più in forma. “Mi dispiace per Ndoye – sottolinea Thiago – un ragazzo bravo in campo e fuori. Ma sono sicuro che utilizzerà questo periodo di stop per riprendersi e per farsi trovare pronto quando avremo ancora bisogno di lui”. Infine, un’occhiata al gruppo dei nazionali. Meglio, a un nazionale in particolare: Oussama El Azzouzi dopo la partita di Udine risponderà alla convocazione della Nazionale marocchina per l’imminente Coppa delle Nazioni Africane, che si svolgerà in Costa d’Avorio a partire dal 13 gennaio. Il Marocco è inserito nel girone F insieme con Zambia, Tanzania e Repubblica Democratica del Congo.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su