Fiorentina, il senso della liberazione nello ‘scavino’ di Nzola

Vittoria nettissima e meritata contro il Cagliari. La vera notizia può essere però il gol del centravanti che subentra a Beltran nell’ultimo quarto d’ora. E forse apre un nuovo capitolo (anche per la Fiorentina)

di ANGELO GIORGETTI -
3 ottobre 2023
Mbala Nzola ha messo il sigillo alla vittoria col Cagliari
Mbala Nzola ha messo il sigillo alla vittoria col Cagliari

Firenze, 5 ottobre 2023 –  Un’occasione scialacquata per un dribbling di troppo davanti al portiere e allora tutti a pensare: ma come, benedetto Nzola, perché ti complichi la vita? Devi fare le cose semplici, funziona così per i centravanti quando non segnano, figuriamoci per quelli a secco da 14 partite. E invece Nzola ha dato una bastonata alla crisi prima di avviarsi verso il 5 e mezzo in pagella, proprio all’ultimo minuto come nei film si è mangiato mezzo campo in contropiede, è arrivato davanti al portiere e ha scelto lo scavino perché un centravanti non fa le cose semplici, se gli riescono quelle più difficili.

Dopo una vita (considerata anche quella nella parte finale con lo Spezia) Nzola ha ritrovato la rete e ha interrotto un paio di maledizioni. La sua personale durava da 14 partite, quella della Fiorentina galleggiava sulla scelta di investire su questo centravanti ‘capace di fare reparto’, un poco come Vlahovic ai vecchi tempi. Un attaccante in grado di giocare per la squadra ma anche per se stesso, mix mai riempito nelle ultime due stagioni. Una punta graditissima e richiesta da Italiano, che non gli ha mai tolto la fiducia anche se contro il Cagliari ha deciso di far partire titolare Beltran: ci voleva il gol di un centravanti e questo è arrivato, finalmente, e neanche di punta o con un rimpallo. In quello scavino un poco sfrontato ci può essere il segnale di una ripartenza, perché una squadra che punta in alto ha bisogno dei gol dei centravanti, anche se c’è Gonzalez (6 reti in 10 partite) che sta facendo la differenza.

Il terzo posto insieme a Napoli e Juve rilancia la Fiorentina in un momento in cui le turbolenze esterne non sono mancate, la migliore notizia è dunque che nel fortino della squadra comanda il pallone. Non è mica poco, in attesa della partita di giovedì contro il Ferencvaros (Conference League) e della trasferta a Napoli, domenica prossima in campionato, con tutto il rispetto quella che attizza di più.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su