Milan, a San Siro arriva il Sassuolo: probabili formazioni e dove vedere la partita

Le parole del tecnico Pioli: “Io non ho paura, non penso al mio futuro ma al presente della squadra. Il nostro difetto? La discontinuità”

di ILARIA CHECCHI -
29 dicembre 2023
Stefano Pioli, allenatore del Milan
Stefano Pioli, allenatore del Milan

Milano, 29 dicembre 2023 – Dopo il pareggio al novantesimo contro la Salernitana il Diavolo non può più fallire. Sabato alle 18 arriva a San Siro il Sassuolo, in quello che si candida ad essere il test decisivo per chiudere il 2023 con ottimismo in vista dell’anno nuovo che vedrà i rossoneri in campo il 2 gennaio in Coppa Italia contro il Cagliari.

Le parole di Pioli in conferenza stampa

Il terzo posto va consolidato, con una classifica che non permette al Milan di stare tranquillo: “Non deve essere l’ultima spiaggia, nel senso che dobbiamo sempre uscire dal campo con la consapevolezza di aver dato tutto. Abbiamo commesso degli errori che hanno abbassato il livello delle nostre partite. Io non ho paura, voglio che la squadra esprima tutto il suo potenziale” sono state le parole di Stefano Pioli in conferenza stampa.

"Dobbiamo avere distanze migliori in campo, stando più compatti per qualità e tempi. Il Milan deve vincere domani, abbiamo bisogno di punti. Non possiamo pensare di rimediare una parte della stagione solo domani. La stagione è lunga, ci sono tante partite e tre competizioni”. Oltre Scudetto e Coppa Italia, la formazione di Pioli deve prepararsi al meglio anche per le sfide di Europa League, di cui la prima contro il Rennes il 15 febbraio.

“Ho sempre cercato di avere tempo e pazienza per essere equilibrati, ma abbiamo bisogno di dare continuità ai nostri risultati. Dobbiamo trovare la continuità, ma non tra due mesi, il prima possibile. È stata una settimana di lavoro per migliorare il nostro presente, abbiamo lavorato con cura per mettere in campo domani una prestazione convincente e vincente. Il Sassuolo è una squadra che fa tanti gol, ma ne subisce anche tanti. Dobbiamo stare attenti a Berardi e Laurentié. Dobbiamo approfittare delle loro difficoltà difensive. Cosa cambierei del 2023? I cinque derby persi” ha ammesso il mister rossonero.

Le parole su Ibra e Cardinale

Ibra a Miami? So che aveva già preso questo impegno prima di tornare qui. Non credo che sia questo il problema. Mi ha detto che partiva perché aveva già preso questo impegno: ci siamo sentiti per messaggio, mi ha chiesto come si è allenata la squadra e quali fossero le sensazioni, come facciamo sempre. Non ho sentito Cardinale, l'ho visto l'ultima volta un mese fa perché mi relaziono con i dirigenti che sono qui tutti i giorni. Ho lavorato tanto in questa settimana. Non penso al mio futuro, perché dobbiamo pensare al presente del Milan”.

Ibrahimovic ricopre il ruolo di partner operativo di Red Birds e consigliere del Milan
Ibrahimovic ricopre il ruolo di partner operativo di Red Birds e consigliere del Milan

La condizione dei singoli e la discontinuità

“È sbagliato parlare dei singoli. Siamo un gruppo di lavoro, che cerca di migliorare, che cerca di crescere, che è consapevole di non star rendendo come può. Poi tutti possiamo far meglio. Rafa Leao arriva da un infortunio. Voi pensate che il percorso sia normale dopo un infortunio, ma lui è uno di scatti, di allunghi” ha continuato Pioli.

Theo Hernandez sta dando una disponibilità incredibile. Poi tutti possiamo far meglio. Il nostro difetto è che non abbiamo avuto continuità. I nuovi sono giocatori forti, ma è normale che ci voglia del tempo ad adattarsi al campionato italiano. Non è il campionato più bello, ma è certamente il più complicato a livello tattico e di pressioni.

Il problema della discontinuità a volte si vede anche all’interno della stessa partita. Stiamo lavorando, concentrati, per risolvere questa difficoltà. Giroud? Essendo un attaccante la mancanza del gol non gli fa bene. Cinque anni fa il terzo posto in classifica sarebbe stato accolto con felicità, ora invece non va bene. Le aspettative più alte le hanno create non solo i tifosi, ma anche il gioco della squadra”.

Tutto esaurito a San Siro

Nonostante manchino poche ore a Capodanno, sabato sera per Milan-Sassuolo San Siro sarà ancora una volta tutto esaurito. Il Milan ha avuto numeri impressionanti di spettatori a San Siro nel 2023, quasi due milioni, con una media dei tifosi presenti nell'impianto in tutte le competizioni nel 2023 di 71.957. “Abbiamo una tifoseria incredibile che si contraddistingue soprattutto nei momenti più delicati. È un patrimonio che noi dobbiamo salvaguardare, perché non capita spesso” ha commentato il tecnico.

Probabili formazioni

Milan (4-3-3): Maignan, Calabria, Kjaer, Theo Hernandez, Florenzi, Loftus-Cheek, Bennacer, Reijnders, Pulisic, Giroud, Leao All. Pioli.

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Pedersen, Erlic, Ferrari, Toljan; Henrique, Thorstvedt; Berardi, Bajrami, Lauriente; Pinamonti. All. Dionisi.

Dove vederla

Milan-Sassuolo, sabato 30 dicembre, sarà trasmessa in diretta sia su SKY che su DAZN con collegamento a partire dalle ore 17.30.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su