Basket, Pesaro vince a Pistoia: effetto Cinciarini?

Il play sta in campo 35 minuti e nei due finali, nel piano della rimonta dei padroni di casa, ha gestito tutte le azioni di attacco andando a scaricare palla e guadagna due tiri liberi d’oro

di MAURIZIO GENNARI -
17 dicembre 2023
Vince Pesaro (74 a 73) sul campo di Pistoia, un momento del match
Vince Pesaro (74 a 73) sul campo di Pistoia, un momento del match

Pistoia 17 dicembre 2023 - Vince. Con il brivido. Ma vince Pesaro (74 a 73) sul campo di Pistoia una formazione che sta attraversando un gran momento di forma. Effetto Cinciarini nella formazione di Buscaglia? Quasi certamente sì perché il play pesarese sta in campo 35 minuti e nei due minuti finali, nel piano della rimonta dei padroni di casa, ha gestito tutte le azioni di attacco andando a scaricare palla ed anche andandosi a guadagnare due tiri liberi d’oro.

Cinciarini aveva tutti gli occhi addosso e sui di lui puntavano tutti. E l’impatto, anche se non nel profilo dei punti (1 su 4 da sotto e 0 su 5 da fuori), si è sentito anche perché la formazione di Buscaglia ha trovato finalmente i tempi giusti. Tutti passaggi millimetrici e precisione nella scelta dei tempi hanno segnato la partita di Cinciarini. Dietro di lui si è mosso un Visconti che ha messo a segno la miglior partita del campionato sotto il profilo offensivo (18 punti) e finalmente si è visto un Ford completamente diverso molto più concreto e deciso in campo anche sotto il profilo offensivo. Una partita che Pesaro sembrava avesse saldamente nelle mani perché aveva raggiunto anche un vantaggio di 17 punti sui padroni di casa grazie anche ad un 4 su 4 dalla distanza di Visconti.

Ma a sei minuti dal termine la formazione di Buscaglia si è inceppata sotto il profilo offensivo e Pistoia grazie soprattutto a Willis emerso di prepotenza nel finale ed anche grazie al suo play Moore ha rosicchiato azione dopo azione tutto il vantaggio che Pesaro aveva accumulato arrivando ad un solo punto dai pesaresi sul 70 a 71.

Momenti di panico con Buscaglia che fa rifiatare Cinciarini per un attimo e Tambone esce anche per falli. Ed è stato il momento di Cinciarini che si è caricato sulle spalle tutte le responsabilità della gara prima scodellando un pallone sotto canestro per Totè e quindi andandosi a guadagnare un fallo con due liberi messi a segno.

Ultimi secondi sul filo del rasoio con Bamforth che tenta il tiro dalla distanza sbagliando il bersaglio ma meglio non fà sul fronte opposto il play Moore che tenta il tiro della domenica dopo aver di poco superato la metà campo.

Il cronometro si ferma con Pesaro avanti di un punto. Ma alla fine una partita portata via meritatamente dalla formazione di Buscaglia che ha dominato fondamentalmente l’incontro. Bene in attacco ma positiva anche la difesa perché Willis si è fatto sentire solo nel finale.

Fondamentalmente bene anche i due lunghi biancorossi e cioè Totè - soprattutto nei primi venti –, ed anche Mockevicius che chiude con 3 su 5 da sotto da ottimo 7 rimbalzi presi in 13 minuti che è stato in campo. Comunque una squadra, quella di Buscaglia, che ha messo in campo un’altra personalità rispetto alle ultime gare. Molto più sicura anche perché ha ora un leader ben identificato ed è Cinciarini.

Il tabellino

Estra Pistoia 73 Carpegna Prosciutto 74 ESTRA PISTOIA: Willis 19 , Della Rosa 3, Blakes 9, Moore 24, Dembelè ne, Biagini ne, Saccaggi, Del Chiaro 1, Stoch ne, Wheatle 5, Hawkins, Ogbeide 12. All. Brienza. CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO: Bamforth 12, Bluiett, Visconti 19, Ford 14, Maretto ne, Tambone 4, Cinciarini 6, Stazzonelli ne, Mazzola, Totè 12, Mockevicius 7. All. Buscaglia. Arbitri: Rossi, Perciavalle e Lucotti. Note – Parziali: 23-17, 38-47, 52-64. Tiri liberi: Pistoia 12/16, Pesaro 10/14. Tiri da 3 punti: Pistoia 9/27, Pesaro 8/26. Rimbalzi: Pistoia 37, Pesaro 34. Usciti per falli: Tambone. Spettatori: 3.462.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su