Clai Riparte da Caliendo, in attesa del campo

Volley donne Dopo la promozione in serie A2, la squadra biancoblù non sa ancora dove potrà giocare le partite in casa

di ANTONIO MONTEFUSCO -
9 giugno 2024
Clai Riparte da Caliendo, in attesa del campo

Clai Riparte da Caliendo, in attesa del campo

Dopo vent’anni di assenza, Imola avrà nuovamente una squadra che giocherà in serie A2.

La Clai ha centrato il passaggio di categoria, un epilogo voluto con tutte le proprie forze nelle ultime due stagioni. Lo scorso anno la finale persa contro il Volley Team Bologna, nell’ultimo torneo invece non c’è stata storia, un dominio assoluto.

Una promozione non casuale, ma frutto della programmazione, diversamente non perdi due partite in tutto il campionato e soli 5 set nei match casalinghi. La società del presidente Stefano Mongardi ha programmato il grande salto con il tecnico Nello Caliendo, uno che ha questi livelli può fare ancora passi in avanti togliendosi altre soddisfazioni. La prima pietra posta sulla promozione è proprio la conferma del tecnico campano, Caliendo si è meritato ampiamente la conferma e sarà lui a guidare la formazione imolese in serie A2.

Società e coach sono già a lavoro per costruire la squadra che giocherà il secondo campionato nazionale a livello femminile, sono in corso tante valutazioni per capire chi potrà giocare al piano di sopra e quali giocatrici serviranno per essere competitivi. L’obiettivo sarà la permanenza in categoria, probabilmente con uno dei budget più bassi del campionato.

Il salto dalla serie B1 all’A2 è sempre molto tosto: poche squadre neo promosse riescono a mantenere la categoria.

L’idea della Clai è quella di non prendere giocatrici straniere, ma puntare su elementi futuribili attingendo magari a qualche prestito di pallavoliste giovani provenienti dalla massima serie. Coach Caliendo e il suo staff sono da qualche settimana che hanno cominciato a spulciare statistiche, video cercando di fiutare le occasioni capaci di fare il caso della Clai.

Già nelle prossime settimane si capirà la conformazione del gruppo e di come si ritroverà ad agosto per il nuovo torneo.

Intanto l’aspetto principale è il campo su cui la Clai 2024/2025 giocherà, la palestra Volta non è adeguata per la serie A2, le biancoblù dovranno quindi emigrare in un altro impianto cittadino con almeno 500 sedute.

La soluzione ideale è il PalaRuggi, ma dovendo giocare alle 17, diventa difficile la coesistenza con Andrea Costa e Virtus Imola; andrà fatto un tavolo con il comune e i club per capire se ciò sarà possibile.

L’alternativa più plausibile è giocare alla palestra Cavina di via Bocaccio; anche in questo caso però servirà qualche lavoro per mettere a norma l’impianto.

In casa Clai si prospetta un lungo periodo di novità.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su