Inter-Roma 1-0: una fiammata di Thuram regala il primo posto ai nerazzurri

Lukaku per la prima volta allo stadio Meazza dopo il ‘tradimento’ della scorsa estate. E proprio il suo sostituto punisce il belga e i giallorossi

di FILIPPO MONETTI -
29 ottobre 2023
Thuram gioisce accanto a Lautaro per il gol che vale il primo posto in campionato (Ansa)
Thuram gioisce accanto a Lautaro per il gol che vale il primo posto in campionato (Ansa)

Milano 29 ottobre 2023 - È stato acquistato per sostituire Lukaku e proprio contro la squadra del belga ex di serata segna il gol vittoria. L'Inter festeggia la vittoria sulla Roma sotto il segno di Thuram: sua la rete che stende i giallorossi, autori di una prestazione molto difensiva, resa vana dal guizzo del francese. Festeggia Inzaghi, che si riprende la vetta del campionato sulla Juventus, mentre la Roma falisce l'aggancio alla zona Europa League e rimane ferma a quota 14 punti all'ottavo posto.

Approfondisci:

Inter-Roma, Mourinho squalificato si siede in tribuna stampa coi giornalisti

Inter-Roma, Mourinho squalificato si siede in tribuna stampa coi giornalisti

Primo tempo

Nessuna sorpresa per Simone Inzaghi nella sfida di San Siro. Il tecnico interista schiera la miglior formazione possibile, con Pavard, Acerbi e Bastoni che dovranno contenere il grande ex Lukaku, mentre l'attacco poggia sulle spalle di Thuram e Lautaro Martinez. Dall'altra parte la Roma torna a schierare Cristante a centrocampo, con Mancini, Llorente e N'Dicka a comporre la retroguardia. A centrocampo Bove ritorna alla mezzala destra, mentre Paredes viene preferito ad Aouar. In avanti accanto a Lukaku c'è El Shaarawy. Prima novità rispetto allo scorso anno: José Mourinho è presente in tribuna allo stadio non seguirà la partita dal pullman come fatto lo scorso anno.

I ritmi sono fin da subito elevati: scontri fisici a tutto campo e pallone che si muove molto velocemente sul campo. Prova ad approfittarne subito l'Inter, con Çalhanoglu che prova far subito esplodere di gioia il popolo nerazzurro. Il turco sulla respinta rasoterra della difesa romanista, calcia dal limite praticamente da fermo. Il pallone disegna in aria un arcobaleno eccezionale e supera il tuffo di Rui Patricio, ma sbatte sulla parte inferiore della traversa, tornando però in campo. Primo brivido della sfida dopo appena 6 minuti di gioco.

L'Inter vuole però far capire che il tentativo del turco non è un caso isolato. La pressione nerazzurra è altissima e la Roma fatica ad uscire dalla propria metà campo e questo regala alla squadra di Inzaghi altre due macro occasioni nei primi venti minuti di partita. Poco dopo il primo cartellino giallo della sfida, sventolato all'indirizzo di Mancini per proteste, Thuram ha sul piede il gol del vantaggio. Traversone dalla destra di Dumfries per Thuram che tenta il colpo di testa, respinto dal suo marcatore. Il francese però ha la fortuna di ritrovarsi il pallone tra i piedi al momento della ricaduta e con il destro da corta distanza prova a calciare in porta, grande parata di Rui Patricio, il quale in spaccata allontana la sfera salvando lo 0-0. Un minuto più tardi Dimarco viene servito perfettamente in profondità: il terzino entra in area e calcia a giro sul secondo palo. Questa volta il portiere portoghese della Roma è immobile, ma la conclusione è larga sulla sinistra dell'estremo difensore. 

La Roma subisce molto la pressione, per questo Rui Patricio e compagni scelgono di saltare il palleggio basso, affidandosi ai lanci lunghi. Costringere l'Inter a percorrere più metri di campo agevola la fase difensiva capitolina, ma la manovra romanista è pressoché nulla. Dall'altra parte i nerazzurri riescono a risalire bene il campo, ma dopo queste prime palle-gol sta facendo più fatica a costruire pericoli reali dalle parti di Rui Patricio. I duelli fisici a tutto campo non mancano e questo porta a diverse interruzioni per falli da parte di Maresca, il quale però estrae un solo altro giallo all'indirizzo di Pavard. 

Sulla fascia di destra Dumfries è a tratti inarrestabile: le sue sgasate sono pericolosissime e creano sempre vantaggi per l'attacco interista. Peccato che spesso i suoi suggerimenti non vengano convertiti in azioni pericolose. Forse ai padroni di casa manca un po' di mordente negli ultimi venti metri nella seconda parte del primo tempo. All'ultimo del primo tempo però torna vicinissima al vantaggio la squadra di Simone Inzaghi. Palla persa in attacco da parte dei capitolini, che apre al contropiede nerazzurro guidato da Thuram. Il primo traversone di Lautaro Martinez non trova nessuno, ma sul contro-cross di Dimarco la spalla schizza tra i piedi di Barella, che calcia al volo di destro. Il tiro è potente e da posizione invitante, ma la sfera si impenna e termina la propria corsa in curva. È l'ultima occasione di un primo tempo dominato dall'Inter, ma in cui i nerazzurri sono riusciti a schiacciare la Roma solo nei primi venti minuti d'incontro. A San Siro è ancora 0-0 al riposo.

Approfondisci:

Inter-Roma, contestazione e insulti a Lukaku: anche Zenga e Materazzi con i fischietti distribuiti dagli ultras / IL VIDEO

Inter-Roma, contestazione e insulti a Lukaku: anche Zenga e Materazzi con i fischietti distribuiti dagli ultras / IL VIDEO

Secondo tempo

Nell'intervallo Simone Inzaghi rileva l'ammonito Pavard, al suo posto entra in campo Darmian. I nerazzurri partono molto forte anche nella seconda frazione di gioco. Dopo nemmeno due minuti guadagnano il cartellino giallo di N'Dicka, per fallo ai danni di Thuram. Poi un minuto più tardi lo stesso centravanti francese prova a deviare di testa in porta il suggerimento di Acerbi, il quale ha prolungato il cross di Çalhanoglu

La sfida è emozionante, la Roma prova a cambiare l'approccio dei primi 45' alzando il proprio baricentro. Il palleggio non è però sempre preciso e questo apre spazi invitanti per i nerazzurri in contropiede. Proprio su una ripartenza, anche Paredes è costretto a spendere il cartellino giallo sul connazionale Lautaro Martinez, quando il toro interista era lanciato verso la porta giallorossa. Piovono le ammonizioni in questo secondo tempo, anche Çalhanoglu finisce sul taccuino dei cattivi di Maresca, dopo un intervento in ritardo ai danni di Bove.

Aumenta la fisicità dei duelli, ne risentono le occasioni da gol, che diventano sempre più rare. Minuto 65: seconda ammonizione della ripresa anche per l'Inter: Bastoni atterra El Shaarawy lanciato a rete, appena fuori dal limite dell'are: calcio di punizone e cartellino giallo per il difensore numero 95 dell'Inter. Posizione invitante per il tiro in porta da parte della Roma, della battuta si incarica lo stesso faraone, ma la conclusione sbatte contro la barriera. 

La Roma però comincia a rendersi pericolosa. Due minuti più tardi Cristante va ad un passo dal vantaggio: traversone dalla corsia mancina per il colpo di testa del numero quattro. Nonostatne la marcatura molto stretta, il centrocampista trova l'angolo basso alla destra di Sommer, ma il portiere elvetico si supera, distendendosi a respingere il tentativo avversario. Ribaltamento di fronte, colpisce in contropiede l'Inter. In pochi secondi l'attacco nerazzurro raggiunge la metà campo avversaria e dal limite dell'area di rigore calcia fortissimo Çalhanoglu che trova la deviazione di Mancini e sfera che termina di un soffio a lato. La partita è ancora vivissima. 

Altro cartellino giallo, è già il quinto di questa ripresa, con Cristante a colpire Mkhitaryan con il braccio largo e l'ammonizione da parte di Maresca. Dopo le scariche di adrenalina arriva il momento dei cambi. Due per l'Inter, uno per la Roma: i nerazzurri si affidano a Frattesi e Asllani, per Çalhanoglu e Mkhitaryan; i giallorossi rilevano Zalewski per Çelik

Ci si avvia nei minuti finali e la partita non sembra in grado di sbloccarsi, però all'81' Thuram togli i sigilli al match. Bellissimo cambio di gioco per Dimarco, che stoppa e attacca il lato corto dell'area di rigore. Cross da parte del terzino nerazzurro perfetto a pescare il taglio del francese alle spalle di Llorente. Da pochi passi il numero 9 non può sbagliare e fa esplodere di gioia San Siro. All'81esimo l'Inter è avanti sulla Roma per 1-0. 

Ora costretta a giocarsi il tutto per tutto, la Roma prova con coraggio a spingersi in avanti. Foti in panchina manda dentro forze fresche e Inzaghi fa lo stesso: sono cinquei cambi in totale dopo il gol di Thuram. Nella Roma dentro Aouar, Belotti ed Azmoun per Bove, El Shaarawy e Paredes. L'Inter entrano Carlos Augusto e De Vrij per Dimarco e Dumfries. I giallorossi provano con l'attacco pesante, ma sono i padroni di casa ad andare ancora vicinissimi al gol. Carlos Augusto prende la mira dal vertice sinistro dell'area di rigore e calcia con il destro. Il tiro è violento e ben indirizzato, Rui Patricio superato, ma la palla si ferma ancora sulla traversa. Secondo legno colpito dai nerazzurri. Nei cinque minuti di recupero gli assalti romanisti sono disordinati e ben contenuti dai nerazzurri, che conservano il gol di vantaggio fino al triplice fischio di Maresca. L'Inter batte la Roma per 1-0, decide Thuram nella notte del ritorno di Lukaku a San Siro.

Rivivi la partita

Continua a leggere tutte le notizie di sport su